Download Civiltà al paragone by Arnold J. Toynbee PDF

By Arnold J. Toynbee

Show description

Read or Download Civiltà al paragone PDF

Best italian_1 books

Queer Italia: Same-Sex Desire in Italian Literature and Film

Queer Italia gathers essays on Italian literature and movie, medieval to trendy. The volume's chronological association displays its purpose to outline a queer culture in Italian tradition. whereas absolutely cognizant of the theoretical hazards inherent in trans-historicizing sexuality, the members to this quantity proportion an curiosity in probing the multi-form dynamics of sexual wants in Italian texts during the centuries.

Extra info for Civiltà al paragone

Sample text

Mundi, 1 6) . Ci troviamo di fronte ad un adattamento dello schema platonico alla teoria creazionistica (il Dio di Filone, questo non va mai dimenticato, è il Dio dell'Antico Testamento) e al tempo stesso abbiamo qui un temperamento del creazionismo per mezzo della teoria degli esemplari, essendo questi considerati ne­ cessario punto di passaggio per la stessa azione di­ vina 54 • La « prefabbricazione » del mondo intellegi­ bile da parte di Dio porta una nota produttivistica e non contemplativistica nello stesso mondo delle idee ; tuttavia poco più oltre nella stessa opera (De opif.

215 (nota a 44 B 8 DK). 5 Non pochi senocratei; rimando a Senocrate-Ermodoro, Frammenti, pp. 347 sgg. Sono invece propensi a riconoscere 36 sione dell'essere in due sfere contrapposte - l'una caratterizzata da razionalità e ordine e autosufficienza, l'altra da irrazionalità, imperfezione e indefinitezza dalla contrapposizione primitiva di due principi ultimi, i principi della prima Accademia, Uno e diade inde­ finita. Gli autori cui Sesto si rifà sembrano riprendere la divisione ermodorea in realtà che sono per sé (kath' hautéz) , realtà in opposizione reciproca (enan­ ti6seis) , realtà puramente correlative l'una all'altra (pr6s ti) , ma ciò allo scopo di ridurre poi questa apparente triade ad una sostanziale dicotomia: giacché le realtà che sono essenzialmente autosufficienti e la parte positiva di ogni coppia di opposti si collocano nella serie ideale dipendente dall'unità, la parte nega­ tiva di ogni coppia di opposti e le realtà che non hanno sussistenza autonoma, ma si pongono solo l 'una in funzione dell'altra, si collocano nella serie dipen­ dente dalla diade indefinita.

Ma, una volta accettato il concetto di diade, non si può eludere il problema della molteplicità, divi­ sione, dispersione : ecco che quindi Numenio, nell'in­ tento di differenziare tre sfere dell'essere, posto un primo dio « essere in sé » e un secondo dio-demiurgo (bene non in sé e in assoluto, ma per imitazione del primo) , identifica poi il « terzo dio » con il cosmo animato da forza divina, e precisa (fr. ) che questo terzo dio cosmico non è altro che il secondo dio in quanto si congiunge con la hyle : essendo que­ sta, nella sua essenza, diadica e identificandosi con la diade, esso perde in tal modo la sua unità e diviene suscettibile di divisione e molteplicità 34 • Se questa è la testimonianza di Eusebio, che ci permetterebbe una ricostruzione d'insieme relativa­ mente unitaria della dottrina di Numenio, interviene a complicar le cose la testimonianza di Proda, che introduce elementi nuovi e non concordanti con quelli finora visti.

Download PDF sample

Rated 4.14 of 5 – based on 39 votes